Tag: coronavirus

Ansia e Panico Post Covid

Ansia e Panico Post Covid

Per chi soffre di ansia o attacchi di panico, il restare a casa ‘forzatamente’ ha assecondato timori già presenti prima del Coronavirus.

Chi infatti aveva difficoltà ad uscire, prendere i mezzi, frequentare posti affollati, ha vissuto un tempo sospeso in cui tutto questo era sconsigliabile o ridotto ai minimi termini.

Ora che gradualmente si ricomincia a frequentare il mondo esterno, i sintomi che forse sono stati attutiti, possono tornare a galla insieme alla ripresa della routine quotidiana: affanno, tachicardia, paura di morire, se non affrontati in maniera profonda, tornano ad impedire una vita normale, privandosi anche di ciò che è mancato fino a questo momento: la condivisione e la libertà di uscire.

Vuoi approfondire?

Contattami usando il form qui sotto!

Dipendenza affettiva

dipendenza affettiva

Possiamo ritrovare frequentemente questa forma di dipendenza all’interno di una relazione di coppia.

Ciò che la caratterizza è la profonda necessità del partner e il timore opprimente di perderlo, che spesso porta ad oscillazioni dell’umore e senso di solitudine. Questi vissuti, in tempo di quarantena, sono stati probabilmente amplificati a causa della distanza imposta dal Coronavirus.

Le persone che soffrono di dipendenza affettiva possono mostrare un attaccamento di tipo “ansioso”, per cui si avverte una necessità incessante di essere amati e di costanti conferme; quando queste conferme non arrivano si vive un profondo malessere e paura dell’abbandono.

Generalmente queste persone possono essere pervase dall’angoscia o sentirsi incomplete quando non sono impegnate in una relazione e ciò può portare ad una scelta frettolosa della persona con cui stare, rimanendo in tal modo inevitabilmente delusi.

(fonte: Consultorio Antera)

Vuoi approfondire?

Contattami usando il form qui sotto!

Ansia e Panico da Coronavirus

Sostenere situazioni di allerta o tensione troppo a lungo diventa necessariamente stressante e quasi ‘innaturale’.

In alcuni soggetti si sviluppa poi una situazione di ipocondria, intesa come tendenza a un’eccessiva preoccupazione per il proprio stato di salute percependo ogni minimo sintomo come un segnale inequivocabile di infezione da Coronavirus. Oltre a ciò, essendo sconosciuto, invisibile e facilmente trasmissibile, può scatenare le paure più profonde rispetto al timore atavico di un qualche elemento incontrollabile che da fuori possa danneggiare noi o i nostri cari.

Non essendo identificabile come oggetto determinato, può generare uno stato di inquietudine e disagio tali da sfociare in vera e propria angoscia, ansia o panico.

La pandemia infatti ci ha messi di fronte ai nostri limiti e alla nostra limitata capacità di controllare ciò che ci circonda: poter controllare ogni cosa è una delle illusioni più grandi dei nostri tempi e forse questo è il momento di farci i conti.

Alcuni suggerimenti utili a fronteggiare i momenti di tensione:

investire del tempo su nuove attività o progetti;

riprendere quelle attività lasciate in sospeso;

mantenere una continuità, se possibile e nel rispetto delle regole suggerite, con la routine e le abitudini quotidiane;

nei casi in cui l’ansia e la paura prendono il sopravvento creando una situazione di disagio cronico, costante e persistente, contattare un professionista.

Vuoi approfondire?

Contattami usando il form qui sotto!

Bambini, Coronavirus e Quarantena

In questo lungo periodo di quarantena la maggior parte dei genitori si dimena tra smart working, lavoro, casa e figli; non potendo nemmeno contare sull’aiuto dei nonni.

Spesso anche i giochi virano sull’argomento Coronavirus: ‘giochiamo a combattere il Virus’, ‘puliamo tutto così il virus non entra’ ecc.

Ma cosa significa per un bimbo avere a che fare con un pericolo che non si vede e non si tocca? che effetto fa sapere di non poter uscire per via di un nemico invisibile?

Come sempre il gioco può assumere una valenza importante; non solo per ‘riempire il tempo’, ma anche per veicolare paure, frustrazione, rabbia. Paura per qualcosa di incontrollabile, frustrazione per la limitazione delle proprie abitudini (i bambini sono molto legati ad esse), rabbia per una libertà a metà.

Attraverso il gioco si può rassicurare, trovare meta-soluzioni, sopportare l’incertezza, sentirsi al sicuro.

Si può dare concretamente forma ad una paura (das, disegni ecc.), nominarla, condividerla, parlarne insieme. Sviscerare un po’ di quella confusione che una situazione del genere può creare, non risolve certo il bisogno di uscire, ma può aiutare a sentirsi meno impotenti.

Vuoi approfondire?

Contattami usando il form qui sotto!